Società della Salute della Zona Pisana
Consorzio Pubblico di funzioni
Via Saragat, 24 - 56121 Pisa

Avvisi e Notizie

Decisione presa per evitare un eccessivo turn over. Introdotto anche l’obbligo d’indossare le mascherine all’interno della struttura e fornite le visiere protettive a tutti gli operatori.

Confermata anche la misurazione della temperatura per ogni persona che fa ingresso nella struttura il distanziamento fra i letti e durante i pasti.

La Presidente della SdS Pisana Gianna Gambaccini: “Le misure preventive messe in campo finora sono state utilissime, ma vietato abbassare la guardia”

Pisa, venerdì 21 agosto 2020 – Allungata da venti a trenta giorni la permanenza nell’asilo notturno di Porta Mare, la principale struttura d’accoglienza per persone senza dimora della città. E poi introdotto l’obbligo d’indossare le mascherine all’interno e visiere protettive in dotazione a ciascun operatore. “La curva del contagio da pandemia ha ricominciato lentamente a rialzarsi anche in Toscana e così abbiamo deciso di ripristinare immediatamente alcune delle misure preventive che avevamo attivato già nelle settimane del lockdown e nel periodo immediatamente successivo – spiega la Presidente della Società della Salute della Zona Pisana Gianna Gambaccini -. In particolare la decisione di estendere il periodo di permanenza nella struttura è dettata dalla volontà di continuare ad assicurare un servizio essenziale per il nostro territorio riducendo il turn over all’interno del centro”.

Sono misure di prevenzione che vanno ad aggiungersi a quelle già in essere fin dai primi giorni dell’emergenza sanitaria e mai venute meno: i posti sono stati leggermente diminuiti (da 28 a 22) per assicurare il distanziamento nelle camere e sempre per lo stesso motivo la cena e la colazione sono servite a turni di otto persone per volta. Inoltre all’ingresso a tutte le persone viene misurata la temperatura con l’ausilio di un termoscanner e i servizi del centro diurno (docce, lavatrice e colloqui con l’assistente sociale) possono essere utilizzati previo appuntamento.

“Sono interventi necessari in un tempo di emergenza sanitaria come quello che stiamo vivendo e gli utenti lo hanno capito e si adeguano con spirito di collaborazione – conclude Gambaccini -. Anche grazie ad essi ultimamente non vi sono mai stati casi di Covid-19, all’interno della struttura e in tutto il nostro territorio, abbiamo avuto solo due persone senza dimora, ad aprile scorso, prontamente individuati grazie alle precauzioni messe in campo e messi in quarantena. Proprio per questo, però, non è assolutamente il caso di abbassare la guardia”

 

Ufficio Stampa