Società della Salute della Zona Pisana
Consorzio Pubblico di funzioni
Via Saragat, 24 - 56121 Pisa

Avvisi e Notizie

La Presidente Capuzzi ricostruisce per l’ennesima volta la vicenda: “Il Pronto Soccorso di Livorno ha attivato il Codice Rosa, ma il percorso si è arrestato dopo il primo colloquio con l’assistente sociale responsabile di tale servizio, sempre all’Ospedale di Livorno”

 

PISA – Nessuna segnalazione è mai arrivata ai servizi sociali della Società della Salute della Zona Pisana, nemmeno dall’Ospedale e dai servizi della ex Asl di Livorno. Il chiarimento definitivo è arrivato dall’Azienda Asl Nord-Ovest che, in una nota dettagliata divulgata nel pomeriggio (mercoledi 4 maggio), ha ricostruito la vicenda del ricovero all’Ospedale di Livorno della madre della piccola Samantha ed escluso che sia mai stata alcuna segnalazione ai servizi sociali della Zona Pisana (“il referente ha segnalato quanto accaduto alle Forze dell’Ordine, per altro già a conoscenza essendo presenti al momento dell’intervento 118, ma non ai servizi sociali di alcun Comune non avendo a disposizione recapiti utili di alcun tipo” recita testualmente il comunicato della Asl). “E’ quello che abbiamo sempre sostenuto – ha ribadito la presidente della SdS Pisana Sandra Capuzzi - e verificato anche questa mattina dopo aver preso nuovamente contatto con l’Ospedale di Livorno, verifiche dalle quali è emerso con chiarezza come il percorso di assistenza previsto dal servizio Codice Rosa della stessa struttura a tutela delle donne maltrattate, si sia arrestato dopo il colloquio con la responsabile di tale servizio nella struttura ospedaliera di Livorno senza alcuna segnalazione nei confronti della SdS Zona Pisana”.

Quindi la precisazione: “Con queste affermazioni non si vuole assolutamente attribuire responsabilità specifiche agli operatori dell’Ospedale di Livorno, ma riaffermare una verità che andiamo sostenendo ormai da una settimana: purtroppo i servizi sociali della Società della Salute della Zona Pisana, non sono mai stati avvertiti. E, a scanso di equivoci, lo dico senza alcun senso di sollievo ma solo con tanto rammarico e amarezza”.