Società della Salute della Zona Pisana
Consorzio Pubblico di funzioni
Via Saragat, 24 - 56121 Pisa

Avvisi e Notizie

La rassicurazione: “I 30mila del 2015 sono stati riassegnati anche per l’anno in corso: diamo per scontato, quindi, che chi gestisce tornerà sui suoi passi e non vi sarà nessuno dei disservizi annunciati”

 

 

PISA, mercoledi 29 giugno 2016 – “Nessun taglio sui centri antiviolenza”. La garanzia arriva dalla Presidente della SdS della Zona Pisana Sandra Capuzzi, dopo essersi consultata telefonicamente sia con i vertici dell’Azienda Asl Toscana Nord Ovest che con i tecnici della Regione. “Ero quasi certa che non vi sarebbero state sorprese ma ho voluto fare un ulteriore verifica per avere la conferma e posso ribadire che il finanziamento di 30mila euro, assegnato nel 2015, è stato interamente riconfermato anche per l’anno in corso” ha detto con riferimento alla nota della Casa della Donna di questo pomeriggio (mercoledi 29 giugno) che preannunciava la chiusura di una parte dei servizi erogati del centro di via Galli Tassi a partire dal 1 luglio a causa di tagli che, invece, non ci saranno.

Poi la spiegazione: “E’ vero che c’è stata una razionalizzazione della spesa da parte del governo centrale, ma a Pisa si è deciso di non toccare in alcun modo le risorse assegnate ai centri antiviolenza: dunque, diversamente da quel che accaduto a Palermo e Roma, da noi non c’è stato e non vi sarà alcun taglio. Siamo stupiti, quindi, della comunicazione con la quale la Casa della Donna ha fatto sapere di chiudere una parte dei servizi senza essersi preventivamente confrontati con la Società della Salute, e diamo per scontato che tale decisione sarà rettificata già nelle prossime ore e che non vi sia alcun disservizio per tante cittadine già duramente provate dalla vita”.