Società della Salute della Zona Pisana
Consorzio Pubblico di funzioni
Via Saragat, 24 - 56121 Pisa

Avvisi e Notizie

L’iniziativa, finanziata dal Cesvot, è organizzata da Cif di Pisa, Comedor Estudiantil “Giordano Liva” e Associazione “Controluce” e patrocinata dalla SdS Zona Pisana

Per iscriversi c’è tempo fino a domenica 26 febbraio. La Presidente della SdS Zona Pisana Sandra Capuzzi: “Il corso è una tessera importante di quel mosaico d’interventi promossi nel nostro territorio per l’accoglienza e l’integrazione dei cittadini stranieri" 

 

Pisa, mercoledi 22 febbraio 2017 – “Italiano come integrazione”. E’ il filo conduttore e il titolo del corso, finanziato dal Cesvot, rivolto a formatori e insegnanti volontari d’italiano a cittadini immigrati organizzato dal Centro italiano femminile (Cif) di Pisa e dalle associazioni “Controluce” e “El Comedor Estudiantil Giordano Liva” in collaborazione con la SdS della Zona Pisana, associazione “Sante Malatesta”, Cif di Calci, e cooperativa Paim.

La partecipazione è gratuita ma aperta fino ad un massimo di 25 allievi. Per iscriversi c’è tempo fino a domenica 26 febbraio: le persone interessate possono farlo inviando una mail a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. “L’obiettivo – spiegano gli organizzatori – è quello di formare i volontari sulle nuove metodologie di glottodidattica per l’insegnamento dell’italiano ad adulti immigrati, con particolare riferimento alle problematiche connesse con l’analfabetismo”.

Le lezioni, invece, inizieranno sabato 4 marzo e proseguiranno fino al 13 maggio per un totale di 13 incontri a cadenza settimanale.

“E’ un’altra tessera importante di quel mosaico d’interventi finalizzati all’accoglienza dei cittadini stranieri che abbiamo messo in campo da tempo sul nostro territorio – ha spiegato la presidente della SdS della Zona Pisana Sandra Capuzzi -: l’integrazione, infatti, non s’improvvisa ma necessita di un supporto di competenze specifiche importantissime anche per i volontari, specie quelli impegnati in un compito non semplice come l’insegnamento della lingua”.